OLT Offshore LNG Toscana S.p.A. detiene la proprietà del Terminale galleggiante di rigassificazione ”FSRU Toscana”; dapprima ne ha sviluppato il progetto, oggi si occupa della sua gestione.

Gli Azionisti

azionisti

Le realtà industriali che detengono le quote azionarie della società, attive nell’ambito energetico a livello nazionale e internazionale, sono:

Gruppo Iren, con il 49,07%,  multiutility quotata alla Borsa Italiana, opera nei settori dell’energia elettrica, dell’energia termica, del gas, della gestione e fornitura dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e dei servizi per le Pubbliche Amministrazioni.
Include al suo interno anche la quota del 2,28% di ASA-Azienda  Servizi Ambientali del Comune di Livorno.
Uniper Global Commodities SE, con il 48,24%, è un’azienda leader nel settore energetico che opera a livello internazionale in più di 40 Paesi, con circa 13.000 dipendenti. La sua funzione principale è di fornire energia e servizi correlati in modo affidabile. Il fulcro delle sue attività è rappresentato dalla produzione di energia elettrica in Europa e Russia, oltre al commercio globale di energia. La società ha sede a Düsseldorf.
Golar LNG, con il 2,69%,  società specializzata nella gestione di navi gasiere e metaniere.

Gruppo Iren, anche attraverso la partecipata ASA, e Uniper detengono complessivamente circa il 97,31% del capitale. La governance resta paritetica fra i due soci di maggioranza.

La Mission

“Nell’operare per offrire un contributo alla sicurezza degli approvvigionamenti energetici del Paese, è ferma intenzione della società di gestire in modo responsabile la propria attività. La mission di OLT è quella di occuparsi della commercializzazione e fornitura del servizio di rigassificazione. La presenza di due importanti attori del mercato energetico, italiano e internazionale, conferisce solidità alla struttura societaria ed una provata esperienza manageriale. Un progetto imprenditoriale che riveste un’importanza di profilo nazionale, ma fortemente legato al territorio dove l’impianto è ubicato. Proprio in tale ottica, l’azienda ha deciso di essere presente, anche fisicamente a Livorno, per integrarsi a tutti gli effetti con la comunità che ospita il Terminale e per seguire direttamente in loco il funzionamento dell’impianto con particolare riguardo agli aspetti di sicurezza e ambiente”.